BARBECUE

Pubblicato il Pubblicato in BBQ

Il termine barbecue è la “traduzione” inglese oggi largamente diffusa e sicuramente più utilizzata del termine spagnolo Barbacoa.

Si ritiene che i Conquistadores Spagnoli, arrivati ai Caraibi, abbiano mutuato questa parola dall’ originale barbicu usato dagli indigeni Arawak.

Tradizionalmente con questo termine si ci si riferisce un metodo di cottura che prevede la creazione di un buco nel terreno nel quale viene adagiata della carne. di solito un animale intero, principalmente una capra; poggiata su una pentola per raccoglierne i succhi e ricoperta di foglie di agave americano e carboni, e cotta per molte ore, spesso per tutta la notte – procedimento simile alla cottura del “porceddu” sardo! –

Successivamente lo stesso termine è stato esteso dai conquistatori anche a metodologie di cottura tipiche dei nativi Americani, che prevedono invece la creazione di una impalcatura in legno al di sotto della quale viene acceso un falò e su cui viene poggiata la carne da cuocere, il legno e le fiamme le conferiscono un sapore distintivo e affumicato.

 

Questa seconda accezione è l’antenato del Barbecue come lo intendiamo noi oggi. Un metodo di cottura tipico degli Stati Uniti, che prevede la cottura di pezzi di carne abbastanza grossi a temperature relativamente basse (tra i 100° e i 130° C), per tempi molto lunghi e con una fase iniziale di affumicatura.

La versione moderna del BBQ prevede l’utilizzo di tagli poveri, spesso interi, arricchiti di spezie.

Si pensa che queste caratteristiche siano state introdotte ai tempi dell’America Coloniale, quando agli schiavi venivano lasciati “gli scarti”, tra i quali citiamo le costine e la punta di petto di manzo.  Gli schiavi hanno quindi iniziato ad usare la metodologia tradizionale del “barbicu” usata per cuocere animali interi, come abbiamo appena visto, aggiungendo le spezie per sopperire ad eventuale cattivi sapori legati alla conservazione precaria del cibo.

Non a caso il Barbecue, diffuso in tutti gli USA, ha il suo zoccolo duro negli stati del Sud che, storicamente, hanno usufruito in maniera massiccia degli schiavi.
Questa è una delle tante versioni sull’evoluzione del Barbecue e, pur essendo al confine con la leggenda, è quella che ritengo possa essere la più plausibile.

Metodi di cottura simili al concetto di Barbcue sono riconducibili agli inizi della storia dell'uomo, ed è presente in quasi tutte le culture.

Ai giorni nostri ci sono diversi strumenti (chiamati “barbecue” o “pit” o più genericamente dispositivi, accumunati dall’avere un coperchio che possa facilitare la fase di affumicatura e la gestione delle temperature) e diverse scuole di pensiero per realizzare il procedimento sopra accennato. Non voglio entrare nel merito dei dettagli, almeno in questo post.

Dalle caratteristiche appena citate è facile capire come l’accezione Italiana di Barbcue sia in realtà lontana dall’originale (usata spesso come sinonimo di “griglia/grigliata”), e quindi è comprensibile che all’inizio si possa fare un po’ di confusione tra “cotture alla griglia” (piccoli pezzi di carne cotti sopra una fonte diretta di calore molto alto) e cotture al barbecue tradizionali.

Ora che conoscete la storia del Barbecue, sono certo che non farete più confusione! 😀

 

FONTI


Wikipedia
https://en.wikipedia.org/wiki/Barbecue


Amazing RIbs
http://amazingribs.com/BBQ_articles/barbecue_history.html


Youtube
https://www.youtube.com/watch?v=mm9PyVziSgw
https://www.youtube.com/watch?v=W-qYm_BcG5E

 

3 pensieri su “BARBECUE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *