Porchetta affumicata al BBQ

Era da molto tempo che ci frullava in testa di provare questa preparazione e finalmente abbiamo avuto modo di riuscirci

Ci siamo procurati una porchettina da 1,1 Kg., un piccolo taglio per iniziare, le trovate tranquillamente nei distributori di carne ben forniti della vostra regione, o potete farvela da soli (pancia di miale con cotenna+ lonza di maiale +aromi ).

Vediamo il procedimento che abbiamo seguito, con tempistiche e relative temperature:

  • Il modo migliore per avere una cottura omogenea e’ usare un girarrosto, quindi la andiamo a posizionare saldamente al centro dell’asta, in modo che il motore giri senza sforzi, senza rischiare di rompersi (consiglio valido soprattutto se andate a cuocere pezzi grandi di 5/6 Kg.).

  • Settiamo il nostro kettle (come vedete dalle foto abbiamo usato lo stacker Webbq con montato il girarrosto) ad una temperatura di 150/160 gradi , che dovra’ rimanere costante per tutta la cottura, e posizioniamo una leccarda per raccogliere il grasso, evitando di sporcare eccessivamente il dispositivo.

  • Buttiamo delle chips di Hickory sulle bricchette accese,accendiamo il girarrosto e chiudiamo il coperchio, iniziando cosi’ la fase di affumicatura.

  • Dopo circa 20/30 min. andiamo a spennellare la nostra porchetta con olio o burro chiarificato, questo permettera’ alla cotenna di diventare bella croccante, ripetiamo l’operazione ogni mezz’ora.

  • La nostra porchetta sara’ pronta quando raggiungera’ una temperatura al cuore di 84/85 gradi, ed il collagene interno di sara’ parzialmente sciolto, dando una nota di gusto in piu’. Se arrivati agli 80 gradi interni vi accorgete di voler la cotenna ancora piu’ croccante, buttate un cesto di bricchette accese portando la temperatura del dispositivo oltre i 200 gradi, e arrivate poi ai canonici 85 gradi interni in questo modo, la cotenna scoppiera’ letteralmente.

  • Arrivata alla temperatura desiderata (per questo pezzo piccolo ci abbiamo impiegato un po’ piu’ di 2 ore) lasciate riposare, fuori dal Bbq, la vostra porchetta fino a quando tocchera’ i 60 gradi interni, sara’ piu’ facile tagliarla e il gusto raggiungera’ l’apice, abbiate pazienza.

Una preparazione semplice ma gustosa,in piena tradizione italiana che non stanca mai, soprattutto in un bel panino croccante con abbondate senape.

Buon appetito!

 

Bacon balls

Cari grillers oggi vogliamo proporvi la nostra sfiziosa ricetta per le bacon balls, praticamente delle polpette di carne ripiene bardate con bacon.

-In una scodella preparate della carne trita di suino e rendetela compatta aggiungendo un filo di olio EVO e un pizzico di sale e pepe.

-Prendete del formaggio emmenthal (o qualsiasi formaggio filante va’ bene) e tagliate delle striscioline di un 2/3 cm di lunghezza.

-Attorno al formaggio andiamo a fare una polpetta con la carne trita che avevamo preparato in precedenza.

-Una volta fatte le polpette andiamo a spennellarle generosamente con della senape delicata e le bardiamo per bene con un paio di fette di bacon.

-Per evitare che il bacon si possa staccare in cottura girandole le infilziamo con uno stuzzicamente che abbiamo lasciato in acqua per un 20 minuti (per evitare che si bruci)

-Settiamo il nostro barbecue per una cottura indiretta a 160/170 gradi e posiziniamo le nostre bacon balls.

-Dopo circa un’ora, quando vediamo che il bacon e’ diventato bello croccante, spennelliamo con salsa bbq, e lasciamo in cottura per altri 5 minuti, per asciugarli.

Semplici e sfiziosi, sicuramente da provare, non vi deluderanno!

 

Asado de tira al BBQ

In questa ricetta vi andiamo a illustrare il procedimento per preparare un succulento “Asado de tira” tanto amato dagli asadores argentini, e non solo.

Il taglio particolare non e’ facile da trovare, molti macellai storciono il naso, o addirittura faticano a capire quello che andiamo a richiedere per questa preparazione, ma non perdetevi d’animo, nei posti specializzati si trova.

E’ un taglio piuttosto tenace, e per questo dovremo attuare diversi procedimenti per far sciogliere il tessuto connettivo, e non avere la sensazione di masticare una suola di scarpe a cottura ultimata.

Questi i procedimenti che abbiamo seguito, per avere della carne saporita e tenera come il burro:

-Asciughiamo bene con della carta assorbente il nostro asado.

-Con l’aiuto di un pennellino da cucina spennelliamo bene con olio d’oliva e speziamo con un po’ di sale e pepe.

-Il primo passaggio veramente importante consiste nel scottare a temperatura violenta i nostri pezzi di carne, quindi settiamo il nostro BBQ per una cottura diretta, e posizioniamo i nostri pezzi di asado proprio sopra le braci.

-Bastano un paio di minuti per lato , per dar modo alla reazione di Maillard di fare effetto.

-Il passaggio successivo e’ quello di mettere i nostri pezzi id carne in foil, per dar modo al tessuto connettivo di sciogliersi, e ottenere a cottura ultimata la morbidezza che cerchiamo.Quindi sigilliamo bene in un doppio foglio di alluminio, stabilizziamo ad una temperatura di 120/130 gradi e continuiamo con una cottura indiretta, lontano dalle braci.

-Non essendo grandissimi i nostri tagli (Kg. 1,2 tot.) dopo 2 ore e mezza di cottura le abbiamo tolte dall’alluminio, facendole riposare per qualche minuto.

-Il passaggio finale e’ l’asciugatura: quindi rimettiamo in griglia in nostro asado in cottura diretta sopra le braci ardenti, rigiratele 2 minuti per lato, per asciugare bene la carne.

-Quando vedete la bella crosticina sono pronte, e possiamo finalmente andare ad impiattare questa meraviglia della cucina argentina

-Le abbiamo guarnite con una salsa chimichurri, che naturalmente si sposa benissimo con questa preparazione.

Qui un rapido ripasso sugli ingredienti di questa salsina d’accompagnamento:

  1. 1 mazzo di prezzemolo.
  2. 40 grammi di origano fresco.
  3. 3-4 spicchi di aglio, i più temerari possono osare anche 5.
  4. 60 grammi di cipollotto fresco.
  5. 1 peperoncino piccolo, privato dei semi e sminuzzato.
  6. il succo di mezzo limone.
  7. 3 cucchiai di aceto di mele.
  8. 120 grammi di olio di oliva.

Una tenerezza ed un gusto incredibili, le ossa che scivolano via’ dalla ciccia e  la salsa che da’ la giusta freschezza a questo taglio, che se cucinato nella maniera giusta, non potra’ che dare grande soddisfazione a voi, e naturalmente ai vostri commensali.

 

 

Patate allo zafferano al BBQ

Altra ricetta veloce, di facile realizzo, per ottenere un contorno ad effetto da abbinare alla vostra grigliata.

Ecco i passaggi che abbiamo seguito:

  • Procuratevi delle patate, sbucciatele e lavatele sotto acqua corrente, tagliatele grossolanamente a cubotti e mettetele in una vaschetta di alluminio.

  • Sminuzzate una cipolla bianca e aggiugetela nella vaschetta.

  • In una ciotolina preparate un intingolo con olio Evo e una bustina di zafferano.

  • Andiamo a condire con sale e pepe le nostre patate, e a spennellarle copiosamente con l’intingolo che abbiamo preparato in precedenza.
  • Chiudiamo la vaschetta con un doppio foglio di alluminio e sono pronte per andare in cottura.
  • Portiamo il nostro BBQ ad una temperatura intorno ai 150/160 gradi, posizioniamo la vaschetta chiudendo il coperchio, e le lasciamo in cottura per 40 minuti.

  • Passato questo lasso di tempo le patate sono pronte, apriamo la vaschetta e le lasciamo a riposo per 5 minuti e poi possiamo impiattarle.

Lo zafferano dara’ quel tocco di gusto in piu’, oltre ad aggiungere un colore acceso dorato molto bello da vedere.

Tenetele in considerazione quando pensate ad un contorno da abbinare ad unabella bistecca o a delle salsicce, non ne rimarrete delusi.

Ringraziamo Riccardo Balzano per le foto.

 

 

Weber Cup 2018 Agri Brianza

Nella giornata di Domenica 27 Maggio 2018 si e’ tenuta presso Agri Brianza a Concorezzo (Mb) la tappa lombarda della Weber Cup 2018, una gara di Bbq amatoriale itinerante lungo tutto lo stivale, che sfocia in una finale nazionale, che si terra’ a Vicenza nel mese di settembre, con tutti i vincitori delle singole tappe, per decretare il Gran Champion.

12 teams agguerriti, arrivati di buon ora, si sono sfidati su queste tre preparazioni: Steak (una costata con elemento predominante il curry) , l’hamburgher e una mistery box (che comprendeva delle ribs, patate, cipolle e zafferano).

Le preparazioni a giudizio dello staff e dei giurati sono state di un ottimo livello, per essere state concepite da team amatoriali, e questo ci rende molto orgogliosi di aver partecipato, oltre ad avere la conferma che, nella zona della Lombardia, con il BBQ non si scherza!

Il clima tra i team e’ stato molto disteso e divertente, non sono mancati i momenti di ironia, anche grazie all’organizzazione e animazione impeccabile di Weber e dello staff di Agribrianza, una vera garanzia in merito.

La bella giornata ha poi favorito l’afflusso di curiosi e appassionati, che giravano tra gli stand curiosando tra i banchi dei partecipanti, veramente una manifestazione che ha avuto molto successo, e che l’anno prossimo sara’ replicata, con la bellezza di 20 tappe lungo tutta la penisola.

Qui per la cronaca trovate il tabellone finale dei punteggi, ma in una bella giornata cosi’, siamo stati tutti un po’ vincitori:

Qui invece potete godervi il video della premiazione, con la gioia dei vincitori:

 

E per concludere una piccola galleria, con qualche nostro scatto:

 

Beef Ribs al BBQ

Oggi andiamo a illustrarvi questa ricetta per ottenere delle ottime beef ribs, preparate naturalmente nel vostro fidato kettle.

  • Per prima cosa procuratevi tramite il vostro macellaio di fiducia, ma si trova anche nei banchi della grande distribuzione, del biancostato scelto.

  • Asciugate bene con della carta assorbente il vostro pezzo di ciccia, trimmate l’eventuale grasso in eccesso dopodiche’ spennellate con salsa Worchester e applicate uniformemente un rub composto da: sale,pepe,aglio e cipolla.
  • Prepariamo il nostro kettle posizionando i nostri bricchetti per una cottura indiretta,stabilizzando una temperatura di 130/140 gradi e mettendo a bagno delle chips che ci serviranno per affumicare (noi consigliamo hickory o melo).

  • Posizioniamo la sonda del nostro termometro nel pezzo di ciccia, stando attenti che non faccia contatto con l’osso, mettiamo in griglia,buttiamo le chips sui bricchetti accesi e lasciamo in cottura chiudendo il coperchio.

  • Lasciamo cuocere stando attenti che la temperatura non superi mai i 140 gradi e quando la temperatura interna delle nostre beef ribs raggiunge i 65 gradi e si e’ formato una bella crosticina (bark) avvolgiamo il tutto in un doppio strato di alluminio (andiamo in foil) continuando la cottura.

  • Arrivati alla temperatura dei 95 gradi al cuore possiamo ritenerlo cotto, ma dovete avere ancora un po’ di pazienza prima di sbranarlo.
  • Ora serve una fase di riposo (rest) per far sciogliere bene il collagene all’interno delle nostre beef ribs, quindi le leviamo dal BBQ e le mettiamo, avvolte ancora nel alluminio, in un isobox per almeno 30/40 minuti.

Vi possiamo assicurare che l’attesa vale il risultato che otterrete.

Sarete avvolti da un profumo paradisiaco gia’ dal momento che le andrete ad estrarre dal foil,sentirete la carne tenerissima come burro al taglio, e vedrete le ossa leviarsi facilmente dal resto della carne.

Fateci sapere come vanno le vostre preparazioni e buon appetito a tutti!

 

Alette di pollo alla paprika

Le alette di pollo sono un must per tutti i grigliatori del mondo,come sapete benissimo si possono fare in tantissimi modi, con infinite varianti, ma in questo post vi andremo a illustrare forse il piu’ semplice e veloce, ma non per questo di minor effetto, o gusto.

  • Per prima cosa, procuratevi delle alette di pollo,pulitele bene da eventuali pelurie, e andate a recidere nettamente l’ultima falange, cosi’ da renderle piu’ corte e semplici da maneggiare.

  • Prepariamo un rub composto da sale,pepe,paprika dolce (ma se vi piace il piccante potete usare anche quella normale) e origano.
  • Mettiamo in una ciotola le nostre alette e le spennelliamo bene con olio di semi di mais, poi le cospargiamo con il rub che abbiamo preparato in precedenza.

  • Settiamo il nostro BBQ per una cottura indiretta e lo stabilizziamo a una temperatura di 160 gradi.
  • Mettiamo le nostre alette in cottura dalla parte opposta delle braci, coperchio chiuso, e quando il nostro termometro, che avevano infilato in una di esse, ci segnala i 76 gradi interni sono pronte, e possiamo servirle.

Facilissime da fare, un vero “must have” per chi adora le grigliate pollo, diventera’ una preparazione che non potra’ mai mancare, i vostri amici ve le reclameranno a gran voce .

Un piccolo consiglio: fatene tante,ma veramente tante…. perche’ una tira l’altra e alla fine non bastano mai!

Foto prese dal web.

 

American nachos con pulled pork

Quante volte ci e’ capitato di avanzare del pulled pork o di essere alla ricerca di una ricetta per un apetizer gustoso ? A noi tantissime volte , e questa e’ un idea che risolvera’ entrambe le questioni.

  • Procuratevi delle nachos (triangolini di grano duro) , quelle che trovate nelle buste al supermercato vanno benissimo, e riempite in modo fitto un piatto piano.

  • Adagiamo sopra i nostri gustosi triangolini delle fette di formaggio ceddar, noi ci troviamo benissimo con le Sottilette Burger che trovate un po’ ovunque nella grande distribuzione.

  • Tagliamo a rondelline dei cetriolini sott’olio e li cospargiamo sopra il nostro piatto, con un pizzico di pepe.

  • Ora dobbiamo far sciogliere il ceddar sulle nostre nachos, quindi o mettiamo per 2/3 minuti nel kettle caldo o 1 minuto nel forno a micronde.
  • Fatto questo non ci resta che prendere gli sfilacci del pulled pork , che avevamo chiaramente preparato in precedenza, e aggiungerlo abbondantemente al nostro piatto.

Con questi semplici e elementari passaggi avrete ottenuto un piatto da aperitivo gustoso, usando magari avanzi di “recupero” , che nel giro di pochi secondi verra’ spazzato via dall’ingordigia dei vostri commensali.

Provare per credere!

 

Gamberoni marinati al Bbq

In questa ricetta vi andiamo a illustrare come grigliare uno dei crostacei piu’ buoni in assoluto, il gamberone.

Solita ricetta come nel nostro stile: semplice, veloce e che da’ tanta resa.

-Per prima cosa procuratevi dei bei gamberoni di buona pezzatura, e lavateli sotto acqua corrente.

-Leviamo la testa del gambero, ma lasciamo il carapace, e andiamo a levare l’intestino (il filo nero) con l’uso di uno stuzzicadenti.

-Prepariamo una marinata con vino bianco, sale , pepe, prezzemolo e succo di limone e andiamo a immergerci i gamberoni, lasciandoli marinare per 40 minuti.

-Per questa cottura andiamo a usare la piastra in ceramica Weber, adatta per le preparazioni piu’ delicate, quindi settiamo il Bbq per una cottura diretta e andiamo a preriscaldarla per 15 minuti, con il coperchio chiuso.

-Mettiamo in cottura i nostri gamberoni, avendo l’accuratezza di girarli ogni 3/4 minuti, per avere un grado di cottura omogenea.

-Quando il carapace prende un bel colore significa che sono pronti, quindi possiamo andare ad impiattare aggiungendo una spruzzata di succo di limone e prezzemolo fresco.

Preparazione elementare per una delle pietanze marine piu’ saporite che si possano trovare, noi li adoriamo.

Provateli e fateci sapere nei commenti come vi sono venuti! Aspettiamo i vostri feedback!

 

Cotechino affumicato al ciliegio al BBQ

Visto che le feste natalizie si avvicinano veloci perche’ non provare a mettere in griglia uno dei piatti tipici della nostra tradizione?

Noi ci abbiamo provato, ottenendo dei buoni risultati, e vi spieghiamo come abbiamo fatto:

  • Procuratevi un cotechino di puro suino (non precotto), quello che abbiamo usato era intorno ai 700 gr. di peso.

  • Stabilizzate il vostro kettle per una cottura indiretta stabilizzando la temperatura tra i 130/140 gradi, e mettete a bagno per 30 minuti delle chips per affumicatura al ciliegio.

  • Inseriamo la sonda del nostro termometro nel cotechino,cercando di arrivare bene nella zona centrale, per un controllo della temperatura ottimale.

  • A questo punto mettiamo il cotechino nel nostro bbq, posizioniamo una leccarda al di sotto per evitare che i liquidi sporchino il dispositivo, buttiamo le chips sui bricchetti roventi e chiudiamo il coperchio.

  • Lasciamo in cottura fino a quando il nostro termometro non ci segnala una temperatura interna di 86 gradi, ci sono vorranno quasi 2 ore.

  • Arrivati a questo punto lo abbiamo tolto dalla griglia, lasciato risposare su un tagliere per una decina di minuti e poi tagliato a rondelle di un paio di centimetri di spessore.

L’affumicatura al ciliegio dara’ un colorito rossastro al vostro cotechino e aggiugera’ quella nota di gusto in piu’ veramente sorprendente.

E’ tutto molto semplice , provate questa ricetta e ve ne renderete conto direttamente, e siamo sicuri che il risultato vi sorprendera’.

Buone feste a tutti e buona griglia!