Pomodori confit al BBQ

Ciao, quel che ti voglio raccontare è un esperimento ben riuscito, molto soddisfacente e dal gusto intenso! Non era la prima volta che facevo i pomodori confit, di solito li facevo con l’essiccatore ma stavolta ho voluto farli nello smoker e devo dire che ne è valsa la pena! Dopo averne  assaggiato uno, ho sentito quel sapore di pomodoro concentrato che si sposa benissimo con  lo zucchero caramellato, il profumo dell’origano e quel sentore di bbq che io amo… ho dovuto mangiarne subito altri quattro!!!

Cosa serve:

  • 1 kg di pomodori picadilly
  • Sale Q.b.
  • Pepe Q.b.
  • Zucchero di canna grezzo Q.b.
  • Olio extravergine d’oliva 
  • Origano essiccato

Prendi i pomodori, lavali e asciugali, tagliali a metà dal lato del picciolo e mettili, con la parte tagliata verso l’alto, su una teglia.

Condisci con il sale, il pepe, lo zucchero e l’origano aggiungi un filo di olio e mettili direttamamente sulla griglia dello smoker, sempre con la parte tagliata rivolta in alto, cuoci mantenendo la temperatura tra i 100° e i 120° fino a quando non saranno disidratati ma ancora morbidi.. Ci vorranno almeno tre ore o forse più, ma dipende tanto dalla grandezza dei pomodori e da quanto liquido hanno al suo interno.

Pomodori in cottura

Una volta raggiunto il risultato voluto, togli i pomodori dallo smoker e mettili a raffreddare in un pirofila, aggiungi ancora un filo d’olio e servili a temperatura ambiente o tiepidi.

Ottimi da mangiare con bruschette e focacce o come contorno!

Pomodori confit

Buon appetito!

Filetto di maiale bardato

Ciao, oggi ti propongo una preparazione molto sfiziosa, il filetto di maiale è un taglio che si presta a tante ricette, questa non è molto impegnativa e, grazie alla bardatura di bacon croccante, ha quel qualcosa in più che ti farà dire ” WOW!!! C’è ne ancora?!?!”

Diamo il via alla ricetta…

Cosa serve:

  • Filetto di maiale
  • Bacon
  • Olio extravergine di oliva 
  • Sale
  • Pepe
  • Aglio in polvere
  • Cipolla in polvere

Prendi il filetto, con un coltello ben affilato togli il residuo di grasso e membrane, dai una forma regolare tagliando le due estremità più fine.Massaggia con un velo di olio la carne e cospargi con una spolveratina di spezie, stai attento a non esagerare con aglio e cipolla!!

Filetto di maiale da pulire

Filetto di maiale pulito

Sul piano di lavoro stendi un foglio di pellicola, avendo cura di tagliarlo almeno 20cm più lungo del filetto, distendi le fette di bacon sulla pellicola, una vicino all’altra fino al raggiungimento della lunghezza del filetto.

Bacon sulla pellicola
Ora adagia il filetto sul bacon, aiutandoti con la pellicola arrotola il bacon attorno al filetto e chiudila a mode caramella.

Fai riposare in frigo almeno un paio d’ore!

Accendi il carbone per il kettle, e preparalo per una cottura indiretta tra i 150°e 170°.

Togli il filetto dal frigo, apri la pellicola delicatamente e dai una pennellata di olio sull’estero e metti in cottura!

Filetto a metà cottura
Quando raggiungerà la temperatura di 75° al cuore, il tuo filetto sarà cotto!

Mettilo su un tagliere e scaloppa a fetta di un centimetro e mezzo!


Piccolo consiglio, per far diventare il bacon bello croccante, verso fine cottura, se ti sembra molliccio, alza la temperatura del kettle anche fino a 180°/190°, avrai così il bacon croccante esternamente e la carne succosa all’interno. 

In alternativa al bacon, puoi usare anche la pancetta affumicata fatta in casa…

Buon appetito!

Spiedini di code di gambero

Questi spiedini sono una favola, ne mangerei una vagonata!!! Semplici da fare e veloci da cucinare, ottimi come antipasto o anche come secondo…

Cosa serve:

  • Gamberoni
  • olio extravergine di oliva
  • succo di lime
  • paprica dolce
  • pizzico di sale
  • spiedini di bambù

Come prima cosa prendi i gamberi e elimina la teste, togli il carapace e tieni solo l’ultimo anello dove è attaccata la pinna finale, con un coltellino ben affilato incidi la “schiena”  del gambero e con un pezzo di carta assorbente elimina il filetto nero.

Una volta puliti tutti i gamberi, prendi una ciotolina, metti : l’olio extravergine di oliva, una spruzzata di lime, una spolveratina di paprica dolce e un pizzico di sale, mescola tutti gli ingredienti e versala sui gamberi 15 minuti prima di andare in cottura.

Prendi i spiedini di bambù, precedentemente messi in ammollo in acqua per mezz’ora, metti 4 code di gambero per spiedo, infilzando prima la parte più stretta della coda, vicino la pinna, e poi piegando la coda trapassi quella più spessa, vicino alla testa, e via così con le altre code. È più difficile spiegarlo che a farlo!!

Prepara il kettle per una cottura diretta media alta. A griglia bella calda  metti gli spiedini sulla brace, cuoci per qualche minuto per lato, stai attento a non cuocerli troppo, altrimenti diventano gommosi! quando la carne diventa opaca, toglili dal fuoco  e siediti a gustarli…

Buon appetito!!

 

Stinco di maiale

Ciao, un’altra bella sfida per un griller, a mio parere, è lo stinco di maiale. Dovrà essere saporito, morbido, succoso e con una bella crosticina all’esterno…. per avere questo risultato segui questi piccoli suggerimenti…

Cosa serve:

  • 2 Stinchi di maiale
  • 3 lt d’acqua
  • 150 gr di sale marino grosso
  • 1 gambo di Sedano
  • 1 Cipolla
  • 1 Carota
  • 10 Bacche di ginepro
  • Salvia
  • Rosmarino
  • 1 foglia di alloro
  • Timo fresco
  • 1 Limone
  • Birra chiara
  • 1 mela
  • 1 noce di burro
  • Rub SPOG (3 parti di sale fino, 1 1/2 parte di pepe macinato, 1 parte di cipolla in polvere e 1/2 di aglio in polvere
  • Olio extra vergine di oliva

Per prima cosa prepari la salamoia, in una pentola abbastanza capiente metti l’acqua, il sale grosso, il sedano la cipolla e la carota tagliate a tocchetti, un ciuffo di salvia, il rosmarino, il timo, le bacche di ginepro e l’alloro e porti a bollore per 10 minuti poi aggiungi il limone tagliato a metà, e lasci il tutto raffreddare in frigo.

Salamoia
Prepara gli stinchi pulendoli il più possibile con un coltellino dalla pellicina che li ricopre.

Ora immergi gli stinchi nella salamoia fredda e lasciali a dimora in frigo per almeno 12 ore, io in questo caso ne ho fatte 24ore!

Setta il kettle per una cottura indiretta e stabilizza la temperatura tra i 110° e i 120°.

Togli gli stinchi dalla salamoia, asciugali bene con carta assorbente e ungi tutta la superfice con l’olio extra vergine di oliva, cospargi il rub SPOG e metti un trito grossolano di erbette aromatiche fresche.

Stinchi tolti dalla salamoia e “Rubbati”
Metti in cottura gli stinchi, non dimenticarti di mettere la sonda del termometro nella carne per monitorare la temperatura, stando attento a non toccare l’osso, aggiungi qualche chips di legno aromatico sulle braci, io ho usato melo, chiudi il coperchio e mettiti comodo per qualche oretta, non dovrai fare altro che aspettare!!

Kettle
Nel frattempo, che gli stinchi sono là belli al calduccio, prepara il condimento per la seconda parte di cottura. Prendi una mela, pelala, togli il torsolo centrale e grattugiala, metti la polpa in un colino con una tazza sotto per recuperare il succo, se hai un estrattore usa quello!!! Versa la birra nel colino e premi la polpa con un cucchiaio per far uscire il succo e la birra assorbita dalla polpa. Aggiungi un pizzico di sale e pepe, la noce di burro e qualche erbetta aromatica!

Quando gli stinchi, arrivano ad una temperatura al cuore di circa 67° e l’aspetto e crosticina esterna ci garba, si può passare alla seconda fase di cottura…

Stinchi arrivato a 67° al cuore
Riscalda l’intruglio di succo di mela e birra, versalo sul fondo di una leccarda d’alluminio (ne serve circa 1/2 bicchiere o poco più!) e mettici dentro gli stinchi, ora sigilla il tutto con doppio strato di carta alluminio, stai attento a non forare la carta o che ci siano angoli non sigillati, si deve creare vapore all’interno e ne deve uscire meno possibile!!!
Rimetti la leccarda nel kettle sempre ad cottura indiretta e alza la temperatura fino a 150° gradi e lascia a cuocere fino al raggiungimento dei 95° al cuore!
Estrai gli stinchi dalla vaschetta e rimettili in griglia per qualche minuto per far asciugare l’ umidità in eccesso.

Riduci in un pentolino il liquido di cottura, potrai usarlo per irrorare la carne una volta messa nel piatto!

Stinchi in asciugatura dopo la seconda fase di cottura
Come contorno ho fatto delle Mississippi Mud Cheesy Potatoes una ricetta presa dal blog “I malebranche”.

Buon appetito!!