Le famose “ricette di recupero” sono la scialuppa di salvataggio per tanti poveri griller, provati dalla trimmatura di pezzi di ciccia – che vanno da grandi ad enormi – e che si ritrovano spesso con scarti di carne buona anche importanti.

Di solito, in quei casi, specialmente se si è in compagnia, ci si guarda negli occhi smarriti e poi c’è sempre qualcuno che pone la fatidica domanda: e con questa che avanza cosa ci facciamo? Ci è successo ultimamente, durante un training sulla cottura del Brisket, di doverlo “ritagliare” più del dovuto perché avevamo a disposizione uno Smoker 47.

recupero trimmature del brisket

Si dice che del maiale non si butti niente.

Noi abbiamo applicato la stessa regola al Brisket e abbiamo deciso di far diventare gli scarti degli ottimi hamburger.
Abbiamo preso principalmente la trimmatura del flat e l’abbiamo aggiunta al grasso più “bello” che abbiamo trimmato via dal fat cap, tagliato tutto finemente al coltello, aggiunto solo un po’ di Worchestershire e del rub del brisket.
Se non avete ancora provato un hamburger con patty “tagliato al coltello” vi consigliamo di provare, perchè la consistenza è molto diversa e gratifica tantissimo il palato.

Dopo aver pressato il tutto via in cottura diretta. Essendo 100% manzo abbiamo scelto una cottura lievemente al sangue (55-58 gradi al cuore), che ci ha ricompensato con una carne succosissima; evitate di farlo col maiale, tuttavia.

recupero trimmature del brisket

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *