Prima di dedicarmi alla sacra arte del barbecue mi sono ritrovato a dover risolvere il problema di tenere al riparo dall’umidità la lecitina di soia, che per l’uso che ne faccio io, sia in cucina che in altri ambiti, ho sempre preferito macinare finemente con un macinacaffè, riponendola poi in un barattolo. La lecitina di soia, lo saprete, viene venduta nei supermercati in forma granulare, ed è molto igroscopica (assorbe facilmente l’umidità).

Una problematica molto simile è quella che affligge i nostri (spesso costosissimi) rub da barbecue. Composti in gran parte da sale, aglio e altre sostanze igroscopiche, basta un niente per trovarsi un sasso in un barattolo da 35$ più spedizione e dogana.






In un negozio di agraria del mio paesello, che tratta anche prodotti per enologia, ho trovato ed acquistato un sacchetto di bentonite granulare, che è un minerale argilloso utilizzato come chiarificatore. Ho pensato che potesse risultare utile per il mio problema.

La bentonite ha spiccate proprietà igroscopiche e non è tossica.

Inoltre, passandola preventivamente in forno, la si disidrata completamente e se ne accentua così la proprietà disidratante.

Utilizzando i filtri per caffè americano ho formato dei piccoli “sacchettini”, sigillati con dello spago da cucina e li ho riposti dentro al barattolo contenente la mia lecitina di soia polverizzata. Dopo molti mesi, la mia lecitina è ancora asciutta!

La bentonite in sacchettini riposta nel barattolo o nel dispenser del nostro rub lo terrà al riparo dall’umidità, senza farlo rovinare.

Articolo di Dario Marchi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *