Cappello da prete affumicato in tagliata

Oggi vediamo una preparazione che potete ottenere usando il famigerato “cappello da prete”, un taglio di carne che il 90% dei macellai consiglia per tutt’altro uso,e che non e’ quello della cottura al BBQ.

Vediamo anche questa volta di fargli cambiare idea.

L’idea di questa ricetta l’abbiamo vista sul web, in un blog come il nostro ospitato sulla piattaforma di BBQ4ALL, ci ha incuriosito e abbiamo subito cercato di replicarla, alla nostra maniera.

  • Per prima cosa procuratevi il taglio in oggetto e con un coltello ben affilato lo andiamo a tagliare in due parti,esattamente dove si trova la venatura centrale.

  • Una volta diviso in due il pezzo di carne andiamo a trimmare il grasso in eccesso, cercando di lasciarne il meno possibile, questa e’ l’operazione piu’ rognosa di tutto il procedimento, ma cercate di farlo minuziosamente per poi avere piu’ morbidezza a fine cottura.

  • Una volta che abbiamo pulito i nostri due pezzi e’ ora di preparare una marinatura con: olio,birra,un cucchiaio di senape,il succo di un limone,origano, sale e pepe. Mettiamo il tutto in una bacinella, agitiamo bene e andiamo ad adagiarsi la nostra carne. Lasceremo il frigorifero per qualche ora a marinare,smuovendo il tutto ogni tanto, coperto con uno strato di pellicola trasparente.

  • Un paio di ore prima di andare in cottura andiamo a estrarre la nostra carne dalla marinata, e con della carta assorbente la asciughiamo con pazienza, per poi spennellarla con un filo di olio per poi applicarci un rub composto da: sale,pepe,parika dolce,origano e aglio.
  • Ora e’ arrivato il momento di andare in cottura, quindi prepariamo il nostro kettle per una cottura indiretta,stabilizzandolo tra i 150 e i 160 gradi.

  • A questo punto buttiamo sulle braci ardenti una manciata di chips Weber al ciliegio, che prima avevamo messo 30 minuti in ammollo in una bacinella di acqua,chiudiamo il coperchio e lasciamo affumicare.

  • Teniamo sotto controllo la temperatura della nostra carne con il termometro, e quando il nostro pezzo raggiunge la temperatura interna di 56 gradi (per una cottura media) la possiamo considerare quasi pronta.

  • Diciamo quasi pronta perche’ gli diamo un ultima scottata a calore diretto, direttamente in griglia sopra le braci, 2 minuti per lato , e poi siamo veramente pronti per servire.

  • Lasciamo riposare la carne fuori dal BBQ per 5/10 minuti, per poi andare con un coltello affilato ad affettare e a condire, con un filo di olio e origano.

Tenera,morbida e succosa, con un retrogusto affumicato che stimola le papille gustative a mille.

Provate questa preparazione e ne rimarrete stupefatti, ve lo assicuriamo.

Ennesima dimostrazione che, con un po’ di tecnica, qualsiasi taglio di carne puo’ diventare il piu’ succulento e appetitoso.

Ricetta e preparazione grazie ad un idea vista su:http://bbq4all.it/capitancovercio

 

6 pensieri su “Cappello da prete affumicato in tagliata

  1. “…andiamo a tagliare”, “andiamo a trimmare”, fino ai due epici andate in una sola frase:”…prima di andare… andiamo”.
    Bellissima (in realtà orribile) questa tendenza del patinato e snob mondo della cucina che purtroppo ha contagiato l’ex più schietto mondo della griglia!
    Nemmeno in articoli di blog di viaggiatori si riescono a trovare così tanti verbi andare… 😀

     
  2. Ottima spiegazione come sempre, però mancano le tempistiche…volevo capire quanto tempo occorre per arrivare alla temperatura finale di cottura, non vorrei ritrovarmi a ritardare la messa in tavola di ore!
    Grazie.

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *