Tomahawk alla griglia

Aiuto! arrivano gli indiani!

Tranquilli, in questo caso non c’e’ da scappare, ma da mettersi comodi per gustarsi uno dei tagli piu gustosi e veloci che possiamo preparare sul nostro Bbq.

Il nome “Tomahawk” prende il nome dalla famosa ascia di guerra usata dai pellerossa, e questa costata viene appunto lasciata con l’osso lungo, per farla assomigliare a questo utensile.

In questo caso pero’ quella che abbiamo cucinato e’ stata un po’ spuntata, per questioni di spazio e di trasporto, ma vi assicuro che e’ 100% “indiana” 🙂

Il procedimento e’ veramente semplice, si cuoce a calore diretto, in griglia direttamente sopra braci, l’unica accortezza che vi consiglio e’ di usare un termometro, per avere sotto occhio la temperatura a cui la volete servire, e quindi il grado di cottura.

Andiamo ad elencare come ci siamo comportati:

  • Abbiamo preso la nostra Tomahawk da 1,1 kg. e la abbiamo pazientemente asciugata con carta assorbente.

  • Accendiamo un cesto di carbonella e lo rovesciamo nel kettle, senza coperchio, fino ad arrivare ad una vera temperatura infernale.

  • Infiliamo la nostra sonda a mezza altezza nella bistecca, cercando di arrivare al centro, e la mettamo in cottura diretta in griglia, proprio sopra le braci.

  • Cerchiamo di girarla una volta solo per lato,stando attenti alle eventuali fiammate, mettendola anche in piedi dalla parte dell’osso per favorire una cottura omogenea.
  • Noi ci siamo fermati quando la nostra sonda ha segnalato i 55 gradi interni, e si era formata una bella crosticina .
  • Lasciata a riposo per 5 minuti e poi affettata in tagliata

Veramente una tenerezza e un gusto che vi consiglio di provare, non ne rimarrete delusi.

E’ un taglio che sta’ andando molto “di moda” in questo periodo,non avrete certo difficolta’ a reperirlo in qualche macelleria ben fornita.

Un doveroso ringraziamento a Marco di Post Meat per averci fornito questa prelibatezza.