Smokey joe – Il piccolo di casa Weber si fa grande

smokey joeOggi volevo parlare con voi del weber smokey joe, in quanto ne possiedo uno, ottimo per grigliate per 2/4 persone, volendo si arriva anche a più coperti ma inizia a essere un problema.

Facile da trasportare in quanto ha una chiusura che permette di alzarlo dalla maniglia del coperchio anche mentre è acceso.

Il diametro è di 37 e ha la griglia carboni abbastanza vicina a quella superiore, quindi occhio alla cottura, si può sempre lasciare una zona di sicurezza, ma si limita parecchio il tutto.

Si presta molto bene per cottura su braci o per tagli piccoli, di solito ci griglio costate non troppo grosse, spiedini, luganega e alette di pollo.

Lo smokey joe ha tre prese d’aria, di cui 2 in entrata sui lati e 1 in uscita sul coperchio.

La pulizia è molto semplice, perchè all’interno ha un piccolo vassoio raccogli cenere, facilmente estraibile.

E fino a qui tutto ok praticamente un oggettino per divertirsi, maneggevole e dimensioni ridotte, ma se vi dicessi che il piccolo smokey joe potrebbe diventare il barbecue più usato di casa, cosa mi rispondereste?

Tempo fa mi sono imbattuto nel sito di www.webbq.it e ho scoperto che il piccolo weber può diventare un grande affumicatore.

Vedendo le preparazioni fatte con queste modifiche ho deciso che era ora di mettere mano al mio smokey joe e quindi l’ho pimpato, termine molto appropriato, con questa modifica è diventato Frodo.

Ora vi spiego alcune caratteristiche di questa modifica, inanzitutto viene fornito un cilindro chiamato stacker che può contenere 2 griglie di cottura, quindi avremo una superficie raddoppiata.

smokey joeIl mio sotto le griglie ha un supporto per tenere una teglia pizza che può essere riempita di sale, in modo da poter fare cotture indirette in quanto il sale schermerà il calore proveniente dalle braci, sopra il sale può essere messa una teglia con acqua se volete un ambiente umido o semplicemente vuota se volete raccogliere i succhi.

Nel caso non mettiate la teglia col sale potrete fare delle dirette a diverse altezze, il che è molto buono se la vostra preparazione richiede un tempo maggiore di cottura.

smokey joePer completare all’interno il vostro barbecue potrete aggiungere nel kit il charcoal, che vi permette di mettere tutte le vostre bricchette al suo interno, i metodi per la cottura possono essere 2 o mettete al centro un barattolo che vi permetta di girare intorno con le bricchette e fare dunque uno snake mettendo qualche bricchetta accesa all’inizio, oppure si può fare il giro completo intorno al barattolo e in un secondo momento toglierlo e mettere al suo posto qualche bricchetta.

L’esterno può essere finito a vostro piacimento, dalle maniglie laterali che permettono un rapido trasporto o solo il semplice spostamento della parte dello stacker.

E’ possibile mettere anche un sostegno per il termometro per non averlo penzolante.

smokey joeUnica cosa da doversi fare a casa che può essere venduta nel kit, ma è indispensabile è il termometro da mettere sopra il coperchio, molto simile a quello del fratello maggiore il master touch 57.

Con queste piccole modifiche avrete in casa un nuovo affumicatore, ci si può cucinare tutto, io ci ho fatto il pulled pork e anche un beer can chicken.

La cosa che stupisce è che essendo di dimensioni ridotte è che con poche bricchette si possono fare cotture molto lunghe e con una stabilità imbarazzante senza aggiungere niente!!!!!!!!!

smokey joeIo lo consiglio perchè oggi come oggi non potrei più farne a meno, per la sua praticità e affidabilità ormai è il più usato a casa mia, poi in un attimo può anche essere rimesso in versione smokey joe.

Fatemi sapere se pimpate il vostro smokey joe come vi siete trovati, ma sono sicuro che non ve ne pentirete.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *